Danza

Alice

GAUTHIER DANCE_Theaterhaus Stuttgart (Germania)
direzione artistica Eric Gauthier
coreografia Mauro Bigonzetti

direzione artistica Eric Gauthier
coreografia Mauro Bigonzetti
musiche originali, composte e eseguite dal vivo da ASSURD (Cristina Vetrone, Enza Prestia, Lorella Monti)e Antongiulio Galeandro, Enza Pagliara
danzatori Sandra Bourdais, Anneleen Dedroog, Caroline Fabre, Maurus Gauthier, Miriam Gronwald, Rosario Guerra, Anna Süheyla Harms, Lisa Kasman, Sebastian Kloborg, Florian Lochner, Alessio Marchini, Juliano Nunes Pereira, Garazi Perez Oloriz, Maria Prat Balasch, David Valencia M.

Prima dello spettacolo nel foyer del Teatro si terrà l' Incontro con la Danza (sabato 13 dicembre alle 20.00 e domenica 14 dicembre alle 17.00) condotto da Stefano Tomassini, critico e studioso di danza e di teatro musicale contemporaneo, docente a Ca’ Foscari a Venezia, collaboratore di prestigiose testate web e specializzate.

Spettacoli

sab 13 dicembre, 20:45Sala Maggiore
dom 14 dicembre, 18:00Sala Maggiore

Fiore all’occhiello tra le compagnie di danza tedesche, la Gauthier Dance//Dance Company Theaterhaus Stuttgart si presenta a Vicenza per la prima volta presentando l’ultimo lavoro firmato per l’ensemble da uno dei coreografi italiani più illustri e apprezzati all’estero: Mauro Bigonzetti.

Ispirato all’intramontabile racconto di Lewis Carroll, "Alice nel Paese delle Meraviglie" (1865), il nuovo lavoro di Bigonzetti (debutto mondiale il 25 giugno a Stoccarda) per la compagnia tedesca vuole dar sfogo all’immaginazione e ai sogni, rendendoli tangibili allo spettatore.

“È l’immaginazione - dichiara Bigonzetti - che ci rende liberi. Liberi di entrare nella tana di un coniglio bianco e di incontrare le creature più strane. Liberi di giocare con le nostre paure e fantasie. Liberi di pensare e sentire quello che ci pare”.

Bigonzetti sulle orme di Carroll prova a capovolgere il mondo e a renderlo bizzarro e ricco di eventi seguendo le orme di una "sua" Alice, l’eccellente danzatrice della compagnia Anna Süheyla Harms, affiancato da un team di fedeli collaboratori quali Carlo Cerri per l’apporto video e le luci, le voci e i ritmi del sud Italia del trio Assurd, di Antongiulio Galeandro e di Enza Pagliara con cui il coreografo aveva già collaborato per "Cantata" e "Pietra Viva", due brani entrati nel repertorio della Gauthier Dance.