Wabi Sabi
Progetto supporter

Wabi Sabi

Tamir Golan

In scena prima dello spettacolo Lost Letters di Lucia Lacarra Ballet

Spettacoli

domenica 10 marzo, 20:45Sala Maggiore

In WabiSabi, Tamir Golan esplora il viaggio senza fine di un personaggio che incarna contemporaneamente: paesaggio, corpo, uomo, donna, animale e stati d'animo in rapida evoluzione. Tamir si è ispirato al "wabi sabi", una visione del mondo della cultura giapponese che si concentra sull'accettazione della transitorietà e dell'imperfezione, nonché a eventi ed emozioni della sua vita, all'estetica giapponese e alla musica della cantante Hako Yamasaki. Tamir ha esplorato stati emotivi opposti e li ha resi la routine quotidiana del personaggio. Il desiderio di mantenere l'equilibrio in una realtà in cui l'unica cosa stabile è l'instabilità si esprime nel virtuosismo contro l'indebolimento e la fragilità.


Tamir Golan, nato nel 1999, si è diplomato alla Alon High School for the Arts di Ramat Hasharon. Ha prestato servizio nell'IDF come eccezionale ballerino mentre studiava presso la MMaslool - School Of Contemporary Dance Bikurey Ha'Itim Center TLV,, sotto la direzione di Naomi Perlov e Ofir Dagan. Tra il 2019 e il 2022, Tamir ha danzato con l'Avshalom Pollak Dance Theater. Nel 2021, Tamir ha partecipato al programma 1|2|3 per coreografi emergenti del Centro Suzanne Dellal, dove ha creato tre nuovi pezzi. La sua creazione di duetti gli è valsa il premio "Outstanding Creator". Nell'ambito delle tournée internazionali del programma, Tamir è stato scelto per partecipare con le sue opere all'Holland Dance Festival (Den Hagg, Olanda) e a MILANoLTRE (Milano, Italia), e nell'autunno del 2023 creerà un nuovo lavoro per il Conservatorio nazionale di Parigi, Francia.

coreografia e performanceTamir Golan
musicaShinju by Hako Yamasaki
costumiTamir Golan
produzioneSuzanne Dellal Centre

1I2I3 programma per coreografi emergenti - direttore artistico Naomi Perlov

Progetto supporter: i prossimi eventi

Anemoia

Lal'el Pillora
prima regionale

Condividi su