Top Jazz Night

Il miglior jazz premiato da “Musica Jazz”
  • Federica Michisanti  Horn Trio (miglior nuovo talento italiano dell’anno)
  • Franco D’Andrea "New Things" (miglior musicista italiano dell’anno + migliore disco italiano dell’anno)
  • Lydian Sound Orchestra dir. Riccardo Brazzale feat. Ambrose Akinmusire (migliore formazione italiana dell’anno + migliore disco internazionale dell’anno)

Venerdì 17 Maggio ore 19.00
Mazzini 39 - Terrazza Teatro
D.O.V.E. (Drums, Organ, Vibes Ensemble)
Giovanni Perin (vibrafono), Giulio Campagnolo (organo Hammond), Andrea Davì (batteria)

ll trio, che spazia dalle sonorità energiche e funky all'hard bop più raffinato, presenta ricercate composizioni originali dell’ensemble e ridipinge in chiave moderna ed innovativa alcuni tra i più bei capolavori del songbook americano.

 

Spettacoli

venerdì 17 maggio, 21:00Sala del Ridotto

Tre set che vedranno coinvolti ben quattro vincitori della più recente edizione del referendum indetto dalla rivista Musica Jazz: è la Top Jazz Night.
Si ascolteranno l’Horn Trio della contrabbassista Federica Michisanti (miglior nuovo talento italiano dell’anno), il trio “New Things” del pianista Franco D’Andrea (miglior musicista italiano dell’anno) e la Lydian Sound Orchestra diretta da Riccardo Brazzale (migliore formazione italiana dell’anno) alla quale si unirà come ospite speciale Ambrose Akinmusire (autore del migliore disco internazionale dell’anno).

Federica Michisanti si presenterà alla guida del suo Horn Trio, formazione che, rinunciando alla presenza di batteria e pianoforte, pone sotto una luce assai vivida la scrittura melodica e la componente timbrica. Il disco che ha contribuito all’affermazione del trio è Silent Rides (2018).

Franco D’Andrea (Merano, 1941) è ormai da anni una presenza inamovibile dal podio del Top Jazz, segno di una maturità artistica ricca e inesauribile. D’Andrea è una delle figure più rilevanti del jazz made in Italy e, dopo decenni di attività, dimostra di essere entrato in una fase della sua carriera in cui ogni situazione strumentale ha raggiunto il punto di perfetta cristallizzazione: il piano solo, il quartetto, le band allargate. Vari i trii da lui diretti in tempi recenti: a Vicenza proporrà una creatura che è nuova sin dal nome, “New Things”.

Fondata nel 1989 da Riccardo Brazzale, che ne cura sia gli arrangiamenti che la direzione, la Lydian Sound Orchestra ha raggiunto l’importante traguardo dei trent’anni di attività. E quelli più recenti sono stati caratterizzati da un’inarrestabile parabola ascendente dei risultati e i riconoscimenti: quella del 2018 non è la prima affermazione nel referendum di Musica Jazz. In occasione della Top Jazz Night la Lydian presenterà il nuovo progetto “Mare 1519”, che si affida alle note di Carla Bley, Brazzale, Manuel de Falla, Duke Ellington, Rossano Emili, Wayne Shorter e altri per porre in musica quelle che sono le coordinate ideali dell’edizione 2019 di Vicenza Jazz: il viaggio, l’esplorazione. Il ’19 sembra infatti essere un anno particolarmente propizio per i viaggi: nel 1519 iniziò la prima navigazione intorno al mondo di Magellano, col vicentino Pigafetta che ne scrisse i diari; nel 1619 sbarcò a Jamestown la prima nave di schiavi; nel 1719 apparve il libro Robinson Crusoe; nel 1819 salpò il capitano Achab; nel 1919 l’Original Dixieland Jazz Band partì in nave per il primo tour in Europa. Nel 1969, inoltre, Neil Armstrong sbarcò nel Mare della Tranquillità, conquistando la luna. Tanti gli anniversari di viaggio da ricordare nel 2019.

Federica Michisanti Horn Trio
Francesco Lento tromba e flicorno
Francesco Bigoni sax tenore e clarinetto
Federica Michisanti contrabbasso

FRANCO D’ANDREA NEW THINGS 
Franco D’andrea pianoforte
Mirko Cisilino tromba
Enrico Terragnoli chitarra

LYDIAN SOUND ORCHESTRA
diretta da Riccardo Brazzale
feat. Ambrose Akinmusire tromba
con
Robert Bonisolo sax soprano e tenore
Rossano Emili sax baritono e clarinetti
Gianluca Carollo tromba e flicorno
Roberto Rossi trombone
Giovanni Hoffer corno
Glauco Benedetti tuba
Vivian Grillo voce
Paolo Birro piano
Marc Abrams basso
Mauro Beggio batteria