Spettacoli - 77° Ciclo Classici

Oresteia

Theodoros Terzopoulos
Prima nazionale

Spettacolo in lingua originale con sopratitoli in italiano

Spettacoli

venerdì 20 settembre, 20:00Teatro Olimpico di VicenzaAcquista bigliettoAcquista
sabato 21 settembre, 20:00Teatro Olimpico di VicenzaAcquista bigliettoAcquista

L'Orestea fu messa in scena per la prima volta ad Atene in occasione delle “Grandi Dionisie” nel 458 a.C., anno di turbolenze politiche, storiche e sociali e violenti sconvolgimenti che riflettevano le tensioni tra oligarchi e democratici. Tra le ragioni del contrasto vi erano le riforme dell’alta corte dell'Areopago attuate da Efialte, leader del movimento democratico, e le scelte estremamente audaci come l’alleanza tra Atene e la città di Argo staccatasi dalla Lega Peloponnesiaca, che ponevano Atene in conflitto con le altre città della Grecia. L'influenza di questi eventi storici è costantemente presente nell'Orestea.

L'autore trae il materiale dal mito di Atreo e dalla terribile maledizione che grava sulla sua famiglia. Dopo dieci anni di guerra il palazzo di Micene si prepara ad accogliere il suo re, Agamennone, il generale trionfatore dei Greci. Il suo ritorno da Troia però coincide con la sua morte per mano della moglie Clitennestra. Nelle Coefore, il ritorno di Oreste porterà a Elettra la vendetta a lungo sperata. Il coro esulta per il riscatto della casa reale e Oreste, inseguito dalle Erinni, si prepara a fuggire a Delfi per cercare la protezione di Apollo. Le Eumenidi si basano sulla narrazione creativa dei miti di culto attici, sulla fuga di Oreste ad Atene e il suo processo da parte degli dei dell’Olimpo. La trama è arricchita dall'istituzione del tribunale dell’Areopago da parte di Atena che conduce alla fine della maledizione. L'equilibrio e la riconciliazione pongono fine al ciclo di sangue e vendetta.

È un'opera di sorprendente maturità, estetica impeccabile, profondità intellettuale e ricchezza di riflessioni filosofiche, che ha allargato i confini dell'arte e difeso con coraggio una costituzione democratica.

diEschilo
traduzioneEleni Varopoulou
regia e adattamento

Theodoros Terzopoulos

regista associatoSavvas Stroumpos
scenografie, costumi, illuminazione

Theodoros Terzopoulos

musiche originali

Panayiotis Velianitis

consulente drammaturgicoMaria Scicchitano
drammaturgoIrene Moundraki
assistente alla regia

Theodora Patiti

scenografo associatoSokratis Papadopoulos
costumista associatoPanagiota Kokkorou
designer associato per le luciKonstantinos Bethanis
collaboratore artistico

Maria Vogiatzi

produzione

National Theatre of Greece

 

PERSONAGGI E INTERPRETI

CassandraEvelyn Assouad
Profeta

Anna Marka Bonissel

ElettraNiovi Charalambous
ApolloNikos Dasis
Guardiano/Cittadino atenieseTasos Dimas
Clitemnestra/Fantasma di Clitemnestra

Sophia Hill

Nutrice

Ellie Iggliz

OresteKostas Kontogeorgopoulos
Egisto

David Malteze

Araldo

Dinos Papageorgiou

Atena

Aglaia Pappa

AgamennoneSavvas Stroumpos
Supplice

Alexandros Tountas

PiladeKonstantinos Zografos
CoroBabis Alefantis, Aspasia Batatoli, Nikos Dasis, Katerina Dimati, Natalia Georgosopoulou, Katerina Hill, Ellie Iggliz, Vasilina Katerini, Thanos Magklaras, Elpiniki Marapidi, Anna Marka Bonissel, Lygeri Mitropoulou, Rosy Monaki, Stavros Papadopoulos, Vangelis Papagiannopoulos, Michalis Psalidas, Myrto Rozaki, Yannis Sanidas, Alexandros Tountas, Pyrros Theofanopoulos, Konstantinos Zografos

 

 

Durata: 3 ore e 25 minuti

Spettacoli - 77° Ciclo Classici: i prossimi eventi

Purgatorio dei poeti

Marco Martinelli e Ermanna Montanari
Chiamata pubblica

Il Canto di Edipo

Alessandro Serra
Prima assoluta

sdisOrè

Evelina Rosselli
Prima assoluta

Condividi su

77° Ciclo di Spettacoli Classici