Spettacoli - 74° Ciclo Classici

Fedra

Prima nazionale

I biglietti per tutte le date di Fedra sono esauriti.
Compila il form online per essere avvisato in caso di nuova disponibilità.

**A seguito di un recente infortunio Anna Bonaiuto non potrà essere in scena. La produzione ha subito delle variazioni**

Spettacoli

venerdì 8 ottobre, 21:00Teatro OlimpicoAcquista bigliettoAcquista
sabato 9 ottobre, 21:00Teatro OlimpicoAcquista bigliettoAcquista
domenica 10 ottobre, 21:00Teatro OlimpicoAcquista bigliettoAcquista

Questa Fedra, cristiana del XVIII secolo e dei giorni nostri, è figlia di Minosse e Pasifae e nipote del Sole. Aricia, vivace, seducente, che acconsente alla fuga con Ippolito solo “con l’anello al dito”, è pronipote della Terra. Teseo, marito di Fedra, un bel giorno, è sceso al Tartaro per “disonorare il letto” di Plutone. Questo straziante dramma, che potrebbe ben svolgersi ai nostri giorni, porta con se brandelli di leggende vecchie di tre o quattro millenni.
Racine è immerso nel mondo antico, anzi mitico: le persone sono discendenti dai celesti, la terra e il cielo sono insieme congiunti. Vicina vigila la Morte. Il mito, si può forse dire, è realtà ardente. In quest’opera l’autore elimina il tempo. La passione di Fedra non si sviluppa: esplode. Essa non deve trasformarsi o percorrere corruzioni, può soltanto creare attorno a sé il vuoto perché in Racine tutti, salvo la Regina - Ippolito appena fracassato sulle coste fragorose, Teramene, Teseo, Aricia, Enone, lo stesso Nettuno il mostro invisibile - vivono il tempo necessario ad eccitare gli ardori, i furori, i rimorsi e i trasporti di Fedra che ci trapassa il cuore con i più nobili accenti di concupiscenza e rimorso che la passione abbia mai ispirato.
Qui gli Dei non sono che una pura proiezione delle sorti, delle passioni, delle istituzioni umane e la paura che i personaggi ne hanno è solo quella di loro stessi, di sé e degli altri. In scena una panchina e, di lato, in proscenio, un inginocchiatoio dove infine l’anima di Fedra paga confessando “la colpa” della passione, portatrice del male in ogni angolo del nostro bene.

Patrick Rossi Gastaldi

daJean Racine
conMarianella Bargilli, Fabio Sartor, Matteo Cremon, Silvia Siravo, Leonardo Sbragia
con la partecipazione diPaila Pavese
costumiDaniele Gelsi
adattamento e regia Patrick Rossi Gastaldi
produzione

Aurora Produzioni

 

Biglietti

Intero: 25,00 euro
Over 65: 20,00 euro
Under30: 15,00 euro

Sconto del 10% e del 20% per chi acquista rispettivamente due o più spettacoli fra Histoire du soldat, Fedra, Disco Inferno, Antigone (1-2/10)


Biglietti in vendita dal 25 maggio:

  • online sul sito www.tcvi.it

ACQUISTA BIGLIETTI CON VOUCHER
Acquista anche con 18 App e Carta del Docente


AVVISO

A causa delle misure di sicurezza per contenere l’emergenza Covid19, si informa il gentile pubblico che i biglietti per partecipare allo spettacolo sono limitati ed è previsto il distanziamento in sala anche per coniugi, conviventi e persone dello stesso nucleo familiare. I biglietti sono nominali. In caso di acquisto di biglietti per più spettatori, sarà inoltre necessario inserire i dati anagrafici e l'indirizzo email di ciascun partecipante. A seguito del decreto legge del 23 luglio 2021, l’accesso alle sale teatrali è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Certificazione Verde Covid-19.

LEGGI QUI LE MISURE DI SICUREZZA PER L'ACCESSO IN SALA

ACCESSO IN SALA

È assolutamente vietato l’accesso in sala a spettacolo iniziato. Eventuali ritardatari potranno accedere alla sala solo all’intervallo nel caso questo sia previsto.
La mancata fruizione dello spettacolo, totale o parziale, non comporta nessun tipo di rimborso da parte del Teatro.

News

Certificazione Verde Covid-19 per l'accesso a Teatro

Si avvisa che a seguito del decreto legge del 23 luglio 2021, dal 6 agosto l’accesso alle sale teatrali è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Certificazione Verde Covid-19.