Medea

a cura di Emma Dante

a cura di Emma Dante
con Elena Borgogni, Carmine Maringola
e la Compagnia Sud Costa Occidentale 
canzoni e musica dei fratelli Mancuso

Spettacoli

sab 6 ottobre, 21:00Teatro Olimpico
dom 7 ottobre, 21:00Teatro Olimpico

Medea, come il suo stesso nome suggerisce, porta consiglio e guarisce i mali di una società maschilista e vigliacca. L'eroina euripidea compie un viaggio che è un’opera d’amore: la sua natura si plasma e si nutre della sua sofferenza. Sceglie la colpa come la sua storia lo esige. E’ una barbara che non riconosce altra autorità se non quella del proprio istinto, per questo si attacca disperatamente al concetto di libertà. La sua tragedia consiste nella difficoltà di mantenere coscienti le sue pulsioni primitive, lottando disperatamente perché non si trasformino in regole da rispettare. Giasone l’abbandona incinta e si fa re di una città sterile. Il vero delitto con cui Medea punirà Corinto, sarà negargli i figli, partorendo aborti come eredi, decidendo a monte il destino di una città nella quale senza di lei risulta inutile qualsiasi tentativo di sopravvivenza.

“Immagino la voce di Medea accompagnata da cinque uomini, le donne di Corinto, che di notte mezzo addormentati sognano pance gravide, vagiti di neonati, corredi di figli annunciati. Si sente un urlo e poi il silenzio. Arriva Creonte, poi Giasone, i fratelli Mancuso cantano l’amore e l’odio. Il travaglio è in atto: Medea sgrava la sua tragedia.”
Emma Dante