Spettacoli - 74° Ciclo Classici

Histoire du soldat

Prima nazionale

Spettacoli

giovedì 23 settembre, 21:00Teatro Olimpico
venerdì 24 settembre, 21:00Teatro OlimpicoAcquista bigliettoAcquista
sabato 25 settembre, 21:00Teatro OlimpicoAcquista bigliettoAcquista
domenica 26 settembre, 21:00Teatro OlimpicoAcquista bigliettoAcquista

La scelta di inaugurare il 74° Ciclo dei Classici all’Olimpico con l’Histoire du Soldat non ha solo a che fare con la ricorrenza dei 50 anni dalla morte di Igor Stravinskij; questa piccola opera scritta nel 1918, agli albori dell’epidemia di spagnola, non è solo una storia di guerra, ma riflette il sentimento della perdita dei riferimenti e rappresenta una ricerca di senso decostruita nel tempo e nello spazio. Il testo della favola in musica di Stravinskij diventa come pochi altri la rappresentazione della Nemesi che il titolo dei Classici all’Olimpico edizione 2021 propone: il Soldato che vende il violino e l’anima al Diavolo in cambio di una ricchezza che lo priverà di tutto. Come spiega Marinelli: «C’è la necessità del compositore russo di usare la musica, il teatro, la bellezza per metterli su un carretto viaggiante in grado di sfidare la Grande Guerra e i suoi infiniti lutti. Ci sono la malattia, l’infezione, la povertà; ci sono tenebre con ombre lunghe come le nostre».

Scrive Stravinskij: “La musica è il solo dominio nel quale l’uomo realizza il presente. Causa l’imperfezione della sua natura, l’uomo è destinato a subire il passar del tempo senza poter mai rendere reale, e pertanto stabile, il presente. La musica stabilisce un ordine nelle cose, soprattutto fra ‘l’uomo’ e il ‘tempo’. È la stessa sensazione prodotta in noi dalla contemplazione delle forme architettoniche. Come dice Goethe: “L’architettura è musica pietrificata”. Partendo da questo assunto, nella riscrittura drammaturgica di Marinelli diventa naturale mettere insieme le due forme: quella della partitura dell’Histoire con quella sublime dell’Olimpico di Vicenza. Perché lo spettacolo deve avere questo fine: fare dell’Olimpico musica pietrificata e dell’Histoire di Stravinskij pietra musicata.

Il Soldato cerca “un ordine” nel suo Nostos, nel suo ritorno a casa; e non sa se affidarsi, per un approdo felice, al suo talento, (il violino), o ad un cambiamento repentino, (la ricchezza facile che gli offre il Diavolo attraverso un libro magico): è la metafora di un mondo che, nel disastro della guerra, sta mutando, e non sa se sia giusto considerare la tragedia come una ferita che si deve a tutti i costi cicatrizzare e dimenticare, o se invece non sia giusto fare di quella stessa tragedia un’opportunità di cambiamento radicale. A dare risposta a queste domande interviene “il tempo” e soprattutto l’arte; ed è proprio sull’infanzia del mondo, dentro il luogo che rappresenta il culmine dell’arte classica, che si fonda l’idea di questo allestimento. Che sarà una favola, nella convinzione che solo la Fabula sia Nemesi: e cioè l’ordine tra uomo e tempo.

musicaIgor Stravinskij
librettoCharles-Ferdinand Ramuz
nella versione diGiancarlo Marinelli
Ensemble da camera dell'Orchestra del Teatro Olimpico  
direttoreBeatrice Venezi
voce narranteDrusilla Foer
con la partecipazione di Andrè De La Roche nel ruolo del Diavolo
danzatoriGiulia Barbone e Antonio Balsamo
movimenti coreografici diAndrè De La Roche
costumiDaniele Gelsi
multivisioneFrancesco Lopergolo
regiaGiancarlo Marinelli
coproduzioneSavà Produzioni Creative, Teatro Ghione e Orchestra del Teatro Olimpico di Vicenza

personaggi e interpreti

narratoreDrusille Foer
DiavoloAndrè De la Roche
SoldatoAntonio Balsamo
PrincipessaGiulia Barbone
BambinoSebastiano Maselli

musicisti

Filippo Lamaviolino
Giovanni Ludovisicontrabbasso
Elena Saleclarinetto
Alessandro Bressanfagotto
Giovanni Lucerotromba
Antonio Mascherpa trombone
Daniele Daldosspercussioni

 

Durata: 80 minuti (senza intervallo)

Biglietti

Intero: 28,00 euro
Over 65: 24,00 euro
Under 30: 18,00 euro

Sconto del 10% e del 20% per chi acquista rispettivamente due o più spettacoli fra Histoire du soldat, Fedra, Disco Inferno, Antigone (1-2/10)


Biglietti in vendita dal 25 maggio:

  • online sul sito www.tcvi.it

ACQUISTA BIGLIETTI CON VOUCHER
Acquista anche con 18 App e Carta del Docente


AVVISO

A causa delle misure di sicurezza per contenere l’emergenza Covid19, si informa il gentile pubblico che i biglietti per partecipare allo spettacolo sono limitati ed è previsto il distanziamento in sala anche per coniugi, conviventi e persone dello stesso nucleo familiare. I biglietti sono nominali. In caso di acquisto di biglietti per più spettatori, sarà inoltre necessario inserire i dati anagrafici e l'indirizzo email di ciascun partecipante. A seguito del decreto legge del 23 luglio 2021, l’accesso alle sale teatrali è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Certificazione Verde Covid-19.

LEGGI QUI LE MISURE DI SICUREZZA PER L'ACCESSO IN SALA

ACCESSO IN SALA

È assolutamente vietato l’accesso in sala a spettacolo iniziato. Eventuali ritardatari potranno accedere alla sala solo all’intervallo nel caso questo sia previsto.
La mancata fruizione dello spettacolo, totale o parziale, non comporta nessun tipo di rimborso da parte del Teatro.

News

Certificazione Verde Covid-19 per l'accesso a Teatro

Si avvisa che a seguito del decreto legge del 23 luglio 2021, dal 6 agosto l’accesso alle sale teatrali è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Certificazione Verde Covid-19.

Press