La Tragedia Innocente

testi e regia Giovanna Cordova
coreografie e movimenti scenici Silvia Bennet

con i giovani attori di Tema Cultura Academy
preparazione attoriale Giovanna Cordova, Caterina Simonelli
produzione Tema Cultura

Tragedia classica e adolescenza: all’apparenza, un binomio che sembra non aver alcun punto di contatto. Eppure, adolescenza e pre-adolescenza sono le età delle scoperte, delle emozioni forti, dei dubbi, delle incertezze, delle fragilità, dei grandi amori e delle grandi passioni. Tutto diventa estremo: o bianco o nero. Gli adolescenti, più di chiunque altro, parlano il linguaggio degli eroi. Parlare con loro di tragedia significa dunque, in ultima analisi, parlare proprio di loro, affamati di vita, di ignoto e di sogni come la gran parte dei personaggi delle opere classiche. Lavorare su questi testi è dar loro la possibilità di guardarsi allo specchio per scoprire personaggi che portano all’estremo le loro scelte, riproponendo quell’intensità del sentire che li caratterizza in questo momento della loro vita. Ma, allo stesso tempo, è un continuo riportarli al precetto delfico “conosci te stesso”, per arrivare all’apprendimento della propria misura. Per dirla con Nietzsche, i Greci scoprirono la misura solo perché videro l’abisso: non molto diverso è il processo degli adolescenti di oggi, bombardati da ogni parte da immagini distruttive fini a se stesse.
La Tragedia Innocente parte dunque dall’ascolto, individua le aspettative di lavoro senza stravolgere il testo ma adattandolo a codici di lettura che rendono possibile l’immedesimazione e il riferimento oggettivo da parte degli adolescenti alla loro vita ed al loro modo di essere “eroi”.

Apologia di Socrate - La verità è come l'acqua

LA TRAGEDIA INNOCENTE
produzioni per le famiglie e le scuole

Ecuba - Ares: il Dio della carneficina

LA TRAGEDIA INNOCENTE
produzioni per le famiglie e le scuole

Dalla parte di Orfeo

LA TRAGEDIA INNOCENTE
produzioni per le famiglie e le scuole