Kaze_980x260
Ristoratori_teatro

Kaze Mononoke

Il vento e i petali di ciliegio

DACRU DANCE COMPANY

ideazione e regia Marisa Ragazzo
coreografie Marisa Ragazzo e Omid Ighanì
interpreti Samar Khorwash, Paolo Ricotta, Serena Stefani, Claudia Taloni, Afshin Varjavandi, Tiziano Vecchi
musiche I Monster, Bon Iver, Boards Of Canada, Steve Reich, Burial, Apparat, Radiohead, Renè Aubry, Unkle, Ólöf Arnalds
disegno luci Marisa Ragazzo e Gabriele Termine

Coproduzione Festival Danza Estate 2012

Durata: 60 minuti

Programma

Cinque centimetri al secondo è la velocità con cui i petali di ciliegio cadono al suolo. La delicatezza, il colore pallido e la brevità della loro esistenza sono simbolo di fragilità e al contempo di bellezza estrema. A Tokyo, tra la fine di marzo e gli inizi di aprile, si festeggia l’hanami, la contemplazione dei sakura. La fioritura dei ciliegi incanta gli umani che, estasiati, si lasciano cadere addosso i fragili petali spinti dal vento. Un incanto da raccontare e soprattutto da vivere. È dunque questo il racconto della performance di danza: il vento e i petali dei ciliegi. 

Marisa Ragazzo
Coreografa internazionale, inizia giovanissima la sua formazione artistica che la porta dal Contemporary Dance Theatre direttamente alla cultura hip hop, nel periodo in cui il movimento black diventa visibile anche in Europa e in cui vive in prima persona la scena artistica romana danzando in diversi collettivi per le rassegne più innovative della capitale, senza ignorare gli influssi che provengono dalle grandi metropoli europee, soprattutto quella tedesca. Nel 1996 fonda con Omid Ighanì la compagnia DaCru: è la prima e unica formazione italiana a danzare nei black club più prestigiosi d'Europa. Sempre insieme ad Omid dirige dieci centri per la formazione di ballerini professionisti di hip hop, la MC Hip Hop School, e un’Accademia Nazionale di House, VideoDance e Club, con l’organizzazione di Cruisin Arts di Modena. Estremamente riconoscibile per lo stile unico e singolare, insegna abitualmente in Italia e all’estero, dedicandosi con dedizione alla company per la quale continua il suo lavoro di produzione teatrale. 

Soci